130 mila euro al progetto solidale etika

È arrivato il primo bonifico da parte di Dolomiti Energia che servirà a finanziare soluzioni abitative innovative per le persone con disabilità. A luglio le adesioni a etika sono 19 mila.

Ammonta a 130 mila euro il versamento che Dolomiti Energia ha effettuato sul Fondo Solidale affidato per la gestione a Solidea – la non profit del sistema cooperativo per le iniziative di solidarietà. L’importo si riferisce ai 13 mila contratti sottoscritti a maggio (altri 2 mila in quel mese erano in corso di completamento delle procedure).
La maggior parte delle risorse trasferite dalla società trentina leader nazionale nella produzione e distribuzione di energia (luce e gas) sono state imputate al Fondo appositamente creato dai partner per la realizzazione di soluzioni abitative e la creazione di opportunità di inclusione per persone con disabilità. Si tratta del primo di una serie di risultati positivi, che già da solo supera le aspettative dei partner, raggiunto grazie ai soci delle  Famiglie Cooperative e dei soci e clienti delle Casse Rurali Trentine. Il Fondo continuerà ad essere alimentato in futuro in modo permanente e stabile perché Dolomiti Energia ogni anno verserà al progetto solidale 10 € per ogni contratto già sottoscritto, senza contare che le adesioni dei soci continuano a crescere: a luglio, infatti, sono già diventate 19 mila.
La destinazione del Fondo è presidiata dal Comitato scientifico – composto da Carlo Francescutti e Piergiorgio Reggio – che nei mesi scorsi ha redatto il “Manifesto culturale” con i principi di riferimento per l’abitare autonomo e inclusivo a favore delle persone con disabilità e le linee guida che conterranno i criteri e gli indicatori per valutare i progetti da finanziare.
Le linee guida saranno discusse  alla fine di agosto con le 7 cooperative sociali aderenti al consorzio Con.Solida del gruppo “Abitare il futuro” che fungeranno da luoghi di sperimentazione di soluzioni innovative per i primi 18 mesi dal finanziamento. La selezione dei progetti avverrà nei primi mesi di autunno e i risultati della sperimentazione saranno messi a disposizione di tutte le organizzazioni che vorranno accedere al Fondo dopo questa prima fase. Sul tema del cosiddetto “Dopo di noi” sta in modo sensibile crescendo l’attenzione collettiva delle istituzioni e delle comunità come testimoniano i provvedimenti normativi già varati e quelli in corso di approvazione a livello nazionale e locale; lo sforzo da fare ora, accanto a quello relativo alle risorse economiche, è immaginare nuovi servizi e nuove forme di accompagnamento nell’ottica della promozione dell’inclusione e del diritto alla scelta della persona con disabilità come sancito dalla Convenzione internazionale dell’ONU.
L’abitazione in questa prospettiva non va ridotta a una questione di muri e di attività nuove da imparare: i progetti sostenuti da etika dovranno guardare anche al contesto perché la casa non diventi luogo di solitudine ma spazio in cui si intrecciano  rapporti. L’abitare è inteso, quindi, come fatto sociale e in questo senso non può che essere un progetto collettivo che mette in gioco la comunità, comprese le istituzioni. Fondamentali sono poi il coinvolgimento delle famiglie di origine e degli operatori chiamati a cambiare sguardi e approcci rispetto a quelli tradizionali.
Una parte delle risorse versate da Dolomiti Energia, come previsto dal protocollo di Intesa con i promotori del mondo cooperativo rappresentati dalla Federazione Trentina della cooperazione (Cassa Centrale Banca, Sait, Con.Solida e la Rete), sarà dedicata a offrire vantaggi per i soci delle Famiglie Cooperative e delle Casse Rurali Trentine. In parte si tratta di proseguire, dopo l’investimento iniziale dei partner, le azioni già avviate, in parte di creare nuove opportunità.
Nella prima direzione si collocano la promozione e la rendicontazione trasparente e costante dell’offerta e la gestione del sistema semplificato (etika easy) che, oltre a dare occasioni di formazione e lavoro a persone con disabilità, consente ai soci di aderire facilmente fornendo solo pochi dati anagrafici quando vanno a fare la spesa. Accanto al mantenimento di queste azioni che rispondono a caratteristiche distintive dell’offerta etika luce e gas – trasparenza, prossimità, facilità – i partner stanno preparando altre iniziative.

I TERMINI DELL’OFFERTA

etika è riservata ai soci e ai clienti delle Casse Rurali Trentine e ai soci con Carta In Cooperazione delle Famiglie Cooperative del consorzio SAIT. Garantisce uno sconto del 20% il primo anno, 10% dal secondo in poi (8% se si sceglie la bolletta cartacea)rispetto alla componente energia del mercato di maggior tutela. A questi numeri già notevoli si aggiungono per i soci dei Casse Rurali Trentine e delle Famiglie Cooperative 10 giorni di fornitura di energia elettrica e 50 metri cubi di gas gratis.

Le condizioni economiche dell’offerta sono effettive, senza ulteriori oneri, ad esempio non ci sono costi di ingresso o recesso né cauzioni. Tenuto conto degli sconti e dei bonus soci, una famiglia con consumi medi (2700 kwh e 1400 mc di gas) allo stato attuale dei prezzi arriva a risparmiare circa 90 euro il primo anno. etika è anche energia ecologica (100 % green) e solidale perché grazie a Dolomiti Energia che darà ogni anno e per ogni contratto 10 euro al progetto è stato costituito un Fondo per un abitare autonomo e inclusivo afavore delle persone disabili e delle loro famiglie.

Scegli l’energia nuova. Economica, ecologica e solidale!

Attiva Etika